02/05/06 - Arteambiente: quando il cinema si colora di verde

Il 3, 4 e 5 maggio, presso l’Auditorium Caivano Arte di Caivano (Napoli), si terrà la prima edizione della rassegna nazionale di corti dedicati all’ambiente.
citfare.gif’Se, fino a non molto tempo fa, la comunicazione ambientale sembrava avvalersi di pochi strumenti «tradizionali», negli ultimi anni, fortunatamente, sta imparando a servirsi di tutti i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione, consentendo a molti artisti e professionisti attenti a questo tema di esprimersi secondo la propria peculiare sensibilità e rivolgendosi, in questo modo, ad un target sempre più ampio e variegato.

Non poteva tardare, in un clima culturale di questo tipo, il ricorso al cinema, strumento di indiscusso valore artistico e dal comprovato impatto sociale. Il 3, 4 e 5 maggio, infatti, presso l’Auditorium Caivano Arte di Caivano (Napoli), si terrà la prima edizione di Cinematografare21, rassegna nazionale di corti dedicati all’ambiente.

L’evento, realizzato dall’Agenzia Locale di Sviluppo Città del Fare e finanziato dal ministero dell’Economia, aderisce alla «Rete per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile» promossa dal Centro di informazione e comunicazione ambientale del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (Unep). L’intento della manifestazione è di contribuire a promuovere, in una realtà locale che non sempre si distingue per un’adeguata sensibilità ecologica, l’interesse per le varie tematiche ambientali e l’attenzione alle risorse naturali del territorio.

Durante la rassegna, saranno proiettati, giudicati e premiati i cortometraggi in gara, raggruppati in tre differenti sezioni:
- Sezione «Cineasti», dedicata a film-makers provenienti da ogni parte d’Italia;
- Sezione «Società civile della Città del fare», riservata ai cortometraggi prodotti da enti ed associazioni no-profit dell’area a Nord Est di Napoli;
- Sezione «Scuole della Città del Fare», dedicata ai ragazzi delle scuole del territorio.

Uno spazio, nel corso della manifestazione, sarà riservato alla proiezioni di opere fuori concorso, tra le quali alcuni dei lavori presentati in occasione del «Mediterranean Environmental Award», premio itinerante promosso dall’Unione europea e dai 21 paesi aderenti alla Convenzione di Barcellona per sostenere la promozione ambientale e lo sviluppo sostenibile del Mediterraneo.

L’inizio delle proiezioni è fissato per le 20,30. L’ingresso è gratuito. Tutti i cortometraggi in gara saranno, inoltre, mandati in onda, a partire da metà maggio, dall’emittente televisiva partenopea Napoli Canale 21.

(Info: Città del fare SCpA tel. 081 19693411 - fax 081 19692931 - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

Fonte: Villaggio Globale - Trimestrale di ecologia

29/04/06 - Caivano chiuderà la rassegna di danza della Provincia

Con il “Gran galà delle stelle” si concluderà lunedì prossimo, 1 maggio, la rassegna “La danza incontra la città”, promossa dalla Provincia di Caserta in collaborazione con l’associazione “Movinghart connection”.
In occasione della serata finale è in programma lo spettacolo di danza del balletto del teatro Bolshoj di Mosca. L’appuntamento si terrà al teatro-auditorium “Caivano Arte” alle ore 20.30, alla presenza, tra gli altri, del presidente della Provincia, Sandro De Franciscis. “Siamo riusciti a portare a Caserta i massimi esponenti internazionali dell’arte della danza – sottolinea l’assessore provinciale alle Politiche culturali, Tiziana Panella –. I ballerini del Bolshoj sono artisti invitati e ammirati in tutto il mondo, emblema stesso di questa disciplina”. “La scelta di Caivano come sede della giornata conclusiva – aggiunge Panella – è dovuta all’esigenza di avere a disposizione un palco ampio con caratteristiche che non abbiamo riscontrato in nessuna struttura della nostra provincia. Una circostanza che rafforza in noi l’idea di lavorare all’ipotesi di realizzare una struttura ex novo che si affermi come punto di riferimento per Terra di Lavoro”.

20/04/06 - Bando Loculi Cimiteriali

Pubblicato avviso per assegnazione loculi cimiteriali

28/04/06 - Premio lettarario: "Tra le parole e l’infinito"

L’associazione Giovanni Spadolini (Caivano Napoli) indice la 7 ^ edizione del Premio Letterario Internazionale "Tra le parole e l’infinito" di narrativa e poesia Ideato da Nicola Paone.
Il premio nasce nell’anno 2000 per una cultura del terzo millennio vera e per puro amore della parola. Disposizioni di partecipazione: Sez. Narrativa - inviare 1 racconto Max 10 cartelle dattiloscritte formato A4. Sez. Poesia - inviare 1 poesia Max 45 versi. Sez. Autori Stranieri: Inviare le opere di Narrativa e/o Poesia, con traduzione in Italiano. Sez. Autori già premiati: Partecipano gli autori che hanno conseguito dal 1° al 3° premio in altri concorsi Letterari, allegando doc. del premio già ricevuto.
Tutti gli Autori dovranno inviare quattro copie dei lavori firmandone una sola Allegando un’autorizzazione scritta al trattamento dei dati personali, includendo le generalità complete, numero telefonico ed eventuale e-mail. Per motivi di stampa, è richiesto anche: l’invio dei lavori su floppy-disk, programma (Microsoft Word), una foto colore o salvata in jpg sullo stesso floppy, per eventuale pubblicazione nell’antologia del Premio Letterario. I partecipanti tutti, dovranno allegare un contributo di 10,00 (diecieuro) a sezione, per spese di segreteria, e tre affrancature di posta prioritaria. L’importo dovrà pervenire in contanti al seguente indirizzo: Segreteria del premio" Tra le parole e l’infinito" Via G.Amendola, 7 - 80023 Caivano Napoli Italia. Scadenza degli invii 10 luglio 2006. I lavori possono essere editi o inediti, ai vincitori sarà assegnato il trofeo Internazionale "Tra le parole e l’infinito" Oltre ai primi 5 classificati d’ogni sezione, ci saranno premi di: Benemerito Culturale d’Onore e Speciali, Segnalazioni e premi di rappresentanza Istituzionale e Privata. A tutti artistica pergamena personalizzata. Gli elaborati non saranno restituiti.

Sì potrà delegare per il ritiro del premio, previo contatti con la segreteria. Gli autori non presenti alla serata di premiazione, potranno richiedere i premi, con spese di spedizione a loro carico. Quest’anno si assegnerà un premio Speciale alla Carriera Giornalistica - Letteraria - Scientifica - Artistica A Personalità e Istituzioni, distintesi in ambito Culturale. Il Gala di premiazione, si terrà nel mese di ottobre 2006, alla presenza del mondo Istituzionale, Culturale, Privato e degli Enti Locali, in Caivano Napoli Italia, sede da definirsi, la segreteria lo comunicherà in forma: E-mail e/o telefonicamente a tutti i partecipanti.
I lavori finalisti e quelli con maggiore punteggio, saranno pubblicati in un’Antologia bilingue, pubblicata dall’Associazione Spadolini, distribuita gratuitamente in tutta Europa. Gli autori fuori Regione, saranno ospitati a spese dell’organizzazione in noti hotel locali.

Info-line: 333/8646774 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.traleparoleelinfinito.com

22/03/06 - Inaugurazione mostra personale di Galliani

Venerdì prossimo 24 marzo 2006, alle ore 19.30, presso il Castello Medievale di Caivano (Na), sarà inaugurata la mostra personale di scultura “Fermo deposito 75” dell’artista Michelangelo Galliani.
La manifestazione è organizzata dalla galleria d’arte “Vulcano Contemporary Art” di Caivano e si svolge col patrocinio dell’assessorato comunale alla cultura. All’inaugurazione interverranno l’artista; il direttivo di “Vulcano Art”; il sindaco di Caivano, ing. Domenico Semplice; l’assessore alla cultura, prof. Franco Palmiero; e il critico d’arte Maurizio Sciaccaluga, curatore della mostra. “Vulcano” dedica un doppio omaggio a Galliani con una serie di installazioni nel suggestivo Castello Medievale, ed una mostra personale presso i locali della galleria (via Matteotti, 37/a). Michelangelo Galliani è uno degli artisti più interessanti del panorama italiano. Nato nel 1975 a Montecchio Emilia (Re) dove vive e lavora, inizia a esporre appena ventenne. Scolpisce il marmo ricercando nuove forme di vita. Le sue raffinate opere si distinguono per una continua ricerca estetica, influenzata sia dai modelli della scultura classica, rinascimentale ed ottocentesca, che dalle esperienze artistiche delle civiltà precolombiane e asiatiche. Il gioco di specularità, l’unirsi ed il dividersi delle forme caratterizzano le opere dello scultore emiliano. Il suo sogno artistico nasce nelle immaginarie città calviniane (Fedora, Diomira, Sofronia, Ledelma) che hanno ispirato la creazione di forme marmoree racchiuse in casse di legno provenienti idealmente dai musei di queste fantomatiche località, e su cui campeggiano i loghi della “National Gallery of Diomira” , del “Musée des Beaux Art” di Sofronia, del “Museo Archeologico di Fedora” o della “Pontificia Accademia delle Arti” di Ledelma. All’interno delle casse, avvolti in bossoli di proiettili e nel pagliericcio, i marmi delle città invisibili aleggiano in una dimensione spazio-temporale tra sogno e realtà. Il giovane scultore genera esseri mutanti, bestie antropomorfe, eroi menomati e tragici che inserisce in una nuova mitologia, al confine tra passato e presente. L’attenzione verso i contenuti letterari di Italo Calvino mostra all’attento osservatore la chiave d’interpretazione delle opere di Galliani. Tra i critici che si sono interessati a Galliani figurano: Alessandro Riva, Maurizio Sciaccaluga, Claudio Spadoni e Raffaella Iannella. La mostra rimarrà aperta fino al 6 maggio 2006 nel seguente orario e nei seguenti giorni: Castello Medievale (piazza Cesare Battisti): dal lunedì al venerdì ore 10.00–12.30; Galleria Vulcano (via Matteotti, 37/a) dal mercoledì al venerdì ore 17.00–20.00; sabato 10.00-13.00.