11/06/05 - A breve lo sportello tossicodipendenza

Nell’ambito delle iniziative programmate dal settore Politiche Sociali del Comune per combattere il disagio sociale, sarà inaugurato a breve uno sportello per aiutare i tossicodipendenti.
Il servizio, che è rivolto anche alle famiglie afflitte dalla brutta piaga della droga, è ubicato nella frazione di Pascarola, presso la parrocchia di San Giorgio Martire. A gestire il punto d’ascolto saranno gli operatori specializzati del progetto “Ricostruire un percorso”, i quali riceveranno le persone che sono in difficoltà causa la tossicodipendenza il giovedì pomeriggio dalle ore 16 alle 18.Il progetto del Comune è comunque più ampio e prevede, successivamente, l’apertura di altri due sportelli analoghi, uno nel quartiere residenziale del Parco Verde, l’altro presso gli uffici comunali dell’Assistenza Sociale, ubicati nell’Ex Macello di Corso Principe Umberto. “Così come abbiamo fatto per i bambini approvando e sostenendo vari progetti per l’infanzia e i cittadini aprendo anche lo sportello di Segretariato Sociale, cerchiamo di offrire servizi specifici per contrastare tutte le cause che sono fonte di disagio sociale” ha spiegato Arcangelo D’Isa, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Caivano

Francesco Ciliento

09/06/05 - Il Comune di Caivano adotta la e-mail certificata

Dal 13 maggio 2005 tutti i documenti inviati tramite posta elettronica saranno certificati. Il Decreto del Presidente della Repubblica dell’11 febbraio 2005, n. 68 disciplina le modalità di utilizzo della Posta Elettronica Certificata (PEC) nei rapporti tra Pubbliche Amministrazioni, tra privati, tra privati e la Pubblica Amministrazione, riconoscendo valore giuridico alla trasmissione di documenti prodotti ed inviati per via informatica.


Inviando e ricevendo comunicazioni sotto forma di e-mail e procedendo all’operazione di certificazione, il mittente riceverà dal gestore di posta una ricevuta che costituirà la prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio e dell’eventuale allegata documentazione. Seguendo la stessa logica quando il destinatario riceverà il messaggio, il suo gestore di posta invierà al mittente l’avviso di ricevuto o mancato messaggio, in più con l’indicazione di data e orario, a prescindere dal momento di apertura della mail. Insieme alla ricevuta di consegna il gestore del destinatario può anche inviare al mittente la copia completa del testo della comunicazione.
Interessante anche la tutela contro lo smarrimento delle ricevute, nel caso di problemi nella consultazione dei messaggi notificati: è stato pensato infatti di creare un apposito archivio informatico, custodito dai gestori di posta elettronica certificata, che conserva, per circa trenta mesi, le tracce informatiche caratterizzate dallo stesso valore giuridico. Per quanto riguarda invece la garanzia di autenticità sia del mittente che del destinatario ricordiamo il metodo della firma elettronica, che garantisce appunto la validità di ogni messaggio inviato o ricevuto.

Giugno 2005 - Fonte: Ipsoa Editore

07/06/05 - Referendum, convegno promosso dal Forum

Si avvicina il referendum sulla fecondazione assistita e si intensificano, quindi, incontri e dibattiti.
Il 5 giugno 2005 presso l’auditorium dell’Istituto Comprensivo “Lorenzo Milani”, si è tenuta una discussione sul tema intitolata “Libertà o Coscienza?” curata dal Forum della Gioventù del Comune, un organismo democraticamente eletto da tutti i giovani residenti in città. All’incontro, che iniziato alle ore 9.30, sono intervenuti il senatore diessino Massimo Villone, il consigliere regionale dell’Italia dei Valori Nicola Marrazzo, il dottorando di ricerca bioetica Antonio Esposito, il membro dell’Ucim Falomi Sanclito, il presidente del medici di Aversa Antonio Menditto e il giurista del comitato “Scienza e Vita” Arcangelo Annunziata; moderatrice Giusy Amabile, vicecoordinatrice del Forum della Gioventù.
“Abbiamo organizzato questo dibattito – spiega Pasquale Ristorato, coordinatore del Forum – perché le persone, prima di votare, hanno il diritto di conoscere bene questa complessa materia su cui si andranno ad esprimere”.

Fonte: Caserta24Ore -

08/06/05 - Dibattito progetto Legalità

Si conclude il progetto “Legalità” presso l’Istituto Comprensivo “Lorenzo Milani”. Giovedì 9 giugno si terrà infatti l’incontro “E’ ancora Costituzione” nell’auditorium della scuola a partire dalle ore 10.
Al dibattito, introdotto dalla dirigente scolastica Francesca Falco, parteciperanno Ermanno Corsi, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, l’avvocato Gerardo Marotta, presidente dell’Istituto Italiano Studi Filosofici e il sindaco di Caivano Domenico Semplice.A seguire gli alunni dell’Istituto terranno una rappresentazione teatrale “E’ ancora Costituzione”. Allestita anche una mostra fotografica sui protagonisti della nascita della Repubblica.“L’iniziativa – si legge nel depliant distribuito per l’evento - intende far riflettere sulle vicende italiane degli ultimi 60 anni, a partire dall’approvazione della nostra carta costituzionale, garanzia di giustizia, libertà, civile convivenza.
Trasmettere il messaggio che l’unità e la vittoria furono conquistate e si conquistano, giorno per giorno, sacrificando gli interessi particolari agli interessi della nazione”.“Compito della scuola – aggiunge la professoressa Francesca Falco – è coltivare la memoria, far rivivere questa realtà, difendere la costituzione che tanto sangue è costata da parte di coloro che hanno dato la vita per l’unità nazionale, la democrazia, la repubblica, il rispetto delle leggi. C’è tanto bisogno oggi di suscitare passione civile per scuotere soprattutto i giovani da questo torpore e motivarli alla partecipazione, perché la partecipazione è autentica democrazia”.

Fonte: Caserta News

07/06/05 - L’ex mattatoio diventa un’area giochi per i bambini

In mattinata c’è stata anche la cerimonia ufficiale di consegna. L’ex macello comunale di via Giambattista Vico, che fino a pochi mesi era la sede del comando di polizia locale, è stato consegnato ai servizi sociali del Comune di Caivano.

mattatoio.jpgIn mattinata c’è stata anche la cerimonia ufficiale di consegna. E’ il 6^ settore, guidato dal funzionario Vito Coppola, nell’ambito del progetto ?La casa di tutti?, relativo al piano sociale di zona contemplato dalla legge 3282000 l’ha così destinato ai piccoli più sfortunati.Nella struttura, infatti, sono stati già installati alcuni tabelloni per la pallacanestro e delle reti per giocare a pallavolo. Fra poco saranno ubicati anche dei pupazzi giganti di sette metri di altezza per renderla un vero e proprio parco per i piccoli a rischio. Ha così commentato l’Assessore ai Servizi Sociali Arcangelo D’Isa, presente all’evento: ?la manifestazione organizzata nell’ambito della legge 328 ha voluto essere un momento di incontro e socializzazione fra i bambini nonché un’occasione per restituire un’area pubblica ai cittadini?. ?L’iniziativa «la casa di tutti» - ha aggiunto Vito Coppola, responsabile del 6^ settore del Comune di Caivano - è un risultato importante da cui partire per costruire dei veri percorsi di risocializzazione e ridurre il disagio sociale?.Nel progetto sono coinvolti anche i comuni di Afragola, Cardito e Crispano, le cooperative sociali Il Millepiedi e Shalom, l’associazione Paidea e l’Olimpia Sport.